le Cinque Terre

Le Cinque Terre comprendono la fascia costiera del territorio che va da Punta Mesco, il promontorio a occidente di Monterosso, fino a Portovenere; un lembo di costa tra il mare e il crinale montuoso lungo circa 15 chilometri. Alle loro spalle si trova la Val di Vara e nella parte terminale, il Golfo della Spezia.

Il profilo irto e scosceso del suo comprensorio, a tratti strapiombante sul mare, con manto alterno di coltivi di viti terrazzate, mediante mura a secco, affioranti di rocce e superfici incolte ricoperte d’erica, di ginestre e di pino, nella profondità di soli tre o quattro chilometri, evidenzia rilievi che possono raggiungere persino i 700 e gli 800 metri di altezza.

le cinque terre

vigneti

da Aprile a Marzo sono molto frequentate, qui proviamo a suggerirvi qualche itinerario inusuale e meno battuto, soprattutto per gli amanti del trekking.

Il mezzo migliore per raggiungerle è il treno, rapido e frequente, una valida  e panoramica alternativa sono i traghetti meno frequenti e più costosi.

Durante la stagione turistica è utile comprare la Carta 5Terre, che comprende treno, accesso ai sentieri e bus. Si prende il treno e si scende a Riomaggiore.
La Via dell’Amore per il momento scordatevela, dopo la visita del borgo, vi suggeriamo il sentiero 593V per il Santuario di  Montenero, un’ora di cammino per 350 metri di dislivello. Un luogo incantevole con una vista spettacolare, da Montenero, possiamo tornare a Riomaggiore in trenta minuti e prendere il treno oppure decidere per  la  via dei Santuari in direzione Volastra, una facile e ampia via sterrata con vista. Giunti a Volastra  possiamo prendere la discesa per Manarola oppure proseguire per Corniglia in questo ultimo caso ci vuole un pò tempo ma è il percorso non è faticoso, questo parte a me piace molto.

.ne parlo qui corniglia manarola via volastra

Dopo aver visitato Corniglia prendete il sentiero costiero n. che porta a Vernazza,

Un’ora e mezza circa di cammino, la prima parte piuttosto impegnativa ma un ambiente meraviglioso.

Per buoni camminatori vi suggeriamo questo percorso altenativo da Vernazza al santuario di NS di Reggio Santuario di Soviore – Monterosso.

A Monterosso regalatevi un gelato sul lungomare dopo aver gironzolato per i caruggi.
Ognuna delle Cinque Terre custodisce alle sue spalle un edificio ecclesiastico, con il tempo assurto al rango di Santuario: Santa Maria di Soviore, Santa Maria di Reggio, San Bernardino, Nostra Signora della Salute di Volastra, Santa Maria di Montenero.

Se la stagione lo consente, imbarchiamoci sul traghetto per vederli apparire, ad uno ad uno, adagiati sulle dorsali.