Da S. Pietro a S. Pietro aggirando il monte Serro

Vi consigliamo di effettuare questa escursione al mattino in modo da godervi la luce migliore quando arriverete sul mare.

Si parte direttamente da casa:  imboccando la scorciatoia a monte, interna a S.Pietro, che conduce alla strada provinciale (ve lo indicheremo noi) oppure seguendo la strada asfaltata per Castagnola. Arrivati in paese vedrete sulla destra il cartello “Macelleria”, seguite questa direzione e continuate fino ad imboccare il sentiero 650 per Framura. Si scende lievemente nella valle del torrente Castagnola   attraversato da un moderno ponte stile “tibetano” . Si risale il lieve dislivello fino ad arrivare  alla frazione  Costa ( m.280 s.l.m.) Dirigetevi a destra in direzione loc. Foce del Prato, qui la strada sterrata diviene sentiero 651 ( tenetevi sempre a destra). Siete ora sul versante Ovest del monte Serro, tra pini marittimi e lecci. Lo sguardo abbraccia la valle del torrente Deiva, le alture di Pietra di Vasca e del San Nicolao.  Arrivati a Case Serro troverete davanti a voi l’ineguagliabile panorama della costa ligure, il Golfo del Tigullio, il Golfo di Genova, le acque dell’alto Tirreno fino alla costa francese e se siete fortunati e la giornata è tersa vedrete apparire anche le Alpi Marittime e la vetta del Monviso.

Qui il vostro percorso  interseca  il Sentiero Verde Azzurro (SVA) proveniente da Deiva Marina e diretto a Bonassola e Levanto: incamminatevi in questa direzione. Ecco ora apparire la scogliera e il promontorio del Mesco. E’ il regno del corbezzolo, dell’erica e del mirto…e anche dei cinghiali ma non temete non si fanno mai vedere in pubblico. Incontrerete anche una radura attrezzata con tavolo di legno e panche (purtroppo maltenuta) dove potrete gustarvi uno spuntino vista mare. Siete su un facile sterrato che a quota costante vi condurrà sul versante Sud del Monte Serro. A questo punto avete 2 alternative: proseguire sul SVA scendendo alla fraz. Setta  e ritornare a Costa salendo la ripida “creuza” oppure continuare lungo il sentiero 651 per ritrovarvi nuovamente alla Foce del Prato e infine a Costa. Prima di rientrare a casa attraverso il percorso iniziale gironzolate un po’ per i vicoli e soffermatevi ad ammirare la torre altomedievale della pieve di S. Martino.

 

Difficoltà: T(uristico)/ E(scursionistico)

Tempo di percorrenza: h. 03.30- 04.00 escluse le soste

Lunghezza: km. 13